mercoledì 22 febbraio, 2017
HOME / Cronaca / Stuprano bambine per 16 anni, complicità anche degli assistenti sociali

Stuprano bambine per 16 anni, complicità anche degli assistenti sociali

loading...

Hanno perpetrato abusi, stupri e sevizie nei confronti di 15 bambine e adolescenti per sedici anni, dal 1987 al 2003 nella città di Rotherham. E soltanto ora, in modo decisamente tardivo, sono arrivate per i tre uomini colpevoli di questi atroci reati le condanne.

La storia inizia per l’appunto tantissimi anni fa e nasconde alcuni risvolti veramente inquietanti. Infatti l’impunità garantita così a lungo a questo tre pedofili stupratori, pare sia stata possibile grazie alla connivenza di molte persone. A partire per esempio dalle assistenti sociali che non hanno mai fermato le violenze perpetrate ai danni di bambini con gravi problemi familiari. Lo scandalo coinvolge anche le autorità locali e la polizia che sono stati accusati di essere a conoscenza di quello che accadeva, ma di non aver fatto nulla per fermarlo temendo di essere considerati «razzisti», da momento che la maggior parte degli aggressori erano asiatici.

A capo della gang di stupratori c’era il 40enne Arshid Hussain che agiva insieme ai suoi fratelli Basharat e Bannaras. Per i tre sono arrivati rispettivamente le condanne a 35, 25 e 19 anni di detenzione in carcere. Tra gli altri condannati anche Qurban Ali, 53 anni e zio dei fratelli che dovrà passare i prossimi 10 anni in carcere per stupro e cospirazione, Karen McGregor, assistente sociale 58enne, condannato a 13 anni di carcere per aver fornito le bambine agli uomini e per sequestro di persona e Shelley Davies, 40 anni, condannata per le stesse accuse di McGregor a 18 mesi con la condizionale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui)(Qui)(Qui)

Fonte clicca QUI

 

Altro Redazione

Loading...

Guarda Anche

Clandestini islamici uccidono i profughi cristiani sui barconi: per il giudice non c’è odio religioso

Clandestini islamici uccidono i profughi cristiani sui barconi: per il giudice non c’è odio religioso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *