venerdì 24 febbraio, 2017
HOME / Cronaca / RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

loading...

RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

 

image_1481929451_62386659

Un raid in piena regola contro un centro profughi a Sassari. A metterlo a segno una persona domenica pomeriggio, quando i migranti stavano riposando. Nei locali della chiesa del Cuore Immacolato è entrato un uomo che ha rubato il cellulare ad uno dei migranti. Poi se ne è uscito minacciandoli tutti: “Questo è solo l’inizio”.

Come scrive La Nuova Sardegna, infatti, a compiere il raid è stata una donna, probabilmente la fidanzata del ragazzo che poco prima aveva commesso il furto ai danni del giovane immigrato. Si è presentata nella chiesa armata con un bastone, ha rotto la porta finestra fracassando il vetro. I vetri, scrive il quotidiano locale, sono finiti sopra i profughi sdraiati sui letti.

 

Subito dopo i migranti hanno avvertito il parroco. “La gente non riesce a capire quanto sia prezioso un telefonino per questi ragazzi – ha detto una delle donne che gestisce l’accoglienza dei profughi – è l’unica possibilità di mantenere un contatto diretto con la propria famiglia. E questo è il motivo per cui, magari rinunciano al cibo o ai vestiti, ma non possono fare a meno di uno smartphone”. I migranti presi d’assalto sono rifugiati, ovvero persone cui è stato concesso dalla Commissione territoriale il diritto d’asilo..

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

Altro Marco

Loading...

Guarda Anche

Tutta la verità sull’insalata in busta: ciò che non dicono (e che devi sapere)

Tutta la verità sull’insalata in busta: ciò che non dicono (e che devi sapere) La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *