HOME / Cronaca / RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

loading...

RAID PUNITIVO CONTRO GLI IMMIGRATI A COLPI DI BASTONE: “STATE ATTENTI, QUESTO È SOLTANTO L’INIZIO”

 

image_1481929451_62386659

Un raid in piena regola contro un centro profughi a Sassari. A metterlo a segno una persona domenica pomeriggio, quando i migranti stavano riposando. Nei locali della chiesa del Cuore Immacolato è entrato un uomo che ha rubato il cellulare ad uno dei migranti. Poi se ne è uscito minacciandoli tutti: “Questo è solo l’inizio”.

Come scrive La Nuova Sardegna, infatti, a compiere il raid è stata una donna, probabilmente la fidanzata del ragazzo che poco prima aveva commesso il furto ai danni del giovane immigrato. Si è presentata nella chiesa armata con un bastone, ha rotto la porta finestra fracassando il vetro. I vetri, scrive il quotidiano locale, sono finiti sopra i profughi sdraiati sui letti.

 

Subito dopo i migranti hanno avvertito il parroco. “La gente non riesce a capire quanto sia prezioso un telefonino per questi ragazzi – ha detto una delle donne che gestisce l’accoglienza dei profughi – è l’unica possibilità di mantenere un contatto diretto con la propria famiglia. E questo è il motivo per cui, magari rinunciano al cibo o ai vestiti, ma non possono fare a meno di uno smartphone”. I migranti presi d’assalto sono rifugiati, ovvero persone cui è stato concesso dalla Commissione territoriale il diritto d’asilo..

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

Altro Marco

Loading...

Guarda Anche

SE CONDIVIDETE QUESTA GRANDE NOTIZIA, LA BOSCHI RISCHIA DI SALTARE. L’HANNO BECCATA IN PIENO.

SE CONDIVIDETE QUESTA GRANDE NOTIZIA, LA BOSCHI RISCHIA DI SALTARE. L’HANNO BECCATA IN PIENO. L’Huff …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *